la biografia...

scalinatavizzini.jpg

Nasco a Caltagirone nel Novembre del 1966. Come molti  bambini, scopro ed esprimo presto i miei sentimenti attraverso la creatività e l’arte del disegno. Ho la fortuna di avere un padre che intuisce questa mia espressione artistica alimentandola giorno dopo giorno. Arrivo tra i banchi di scuola dove i mie stimoli artistici interiori trovano sfogo nei disegni ripresi dai libri di storia, la mia passione è  apprezzata dalle maestre ed accresce il mio entusiasmo e passione per l’arte del disegno.


Prestissimo entro nei laboratori ceramica, che rappresenteranno una costante in tutto il mio percorso. Ho 10 anni quando inizio a decorare semplici motivi decorativi, della tradizione ceramica di Caltagirone, che realizzo su piccoli oggetti. I maestri di bottega rimangono colpiti dall’abilità delle mie piccole mani.


Per vocazione, pochi anni dopo, mi iscriverò all’Istituto Statale d’Arte “Luigi Sturzo” di Caltagirone, dove conseguirò il diploma di maestro d’arte. La mia passione di anno in anno si arricchisce di studio, di conoscenza e di nuove tecniche artistiche come la pittura ad olio ed acquerelli, la modellazione con argilla ed il disegno tecnico. Verso i 15 anni, le mie mani si muovono più abilmente, riescono a riprodurre i complessi e antichi decori seicenteschi e settecenteschi su oggetti ceramici di forme tradizionali.

Una stretta stradina, che conduce alla Chiesa di Santa Maria del Monte di Caltagirone, mi offre uno scorcio dell’omonimo campanile. Io mi trovo lì, per la mia prima estemporanea, con il mio cavalletto, dei colori ad olio e i miei 16 anni, a fotografare con i miei pennelli quell’immagine sulla tela. Ricevo un premio per quella tela che diventerà proprietà della Banca Agricola Popolare Siciliana. Altri premi sono succeduti alla mia prima estemporanea, ed insieme a loro, anche la mia partecipazione a molte mostre pittoriche e concorsi di pittura.  

Nel 1986 “Ceramiche Marazzi”, il marchio internazionale più prestigioso e noto nel settore delle piastrelle in ceramica, bandisce il concorso “La tradizione restituita”. L’Istituto ceramica partecipa al concorso. Io vengo scelto, dall’Istituto, per partecipare. L’obbiettivo è  reiterpretare i disegni delle antiche mattonelle Caltagironesi in chiave moderna. Con grande soddisfazione vinco il concorso. Dalla vittoria guadagno sei mesi di stage, presso “Ceramiche Marazzi” a Sassuolo (MO), dove ho il privilegio di lavorare a fianco del Professore Roger Capron (illustre ceramista francese, medaglia d’oro all’Esposizione internazionale per l’architettura-Bruxelles 1958) al quale Pablo Picasso si ispirò per la modellazione ceramica.
Forte della mia esperienza ritorno in Sicilia, trascorrendo molti anni presso una ditta di lavorazione pietra lavica di Vizzini (CT) nel ruolo di “Responsabile del settore progettazione e decorazione”. A Vizzini porto la cultura della ceramica, direzionando la produzione verso la realizzazione di pietra lavica maiolicata.

foto con Capron.jpg
giacomospinasanta.jpg

Nel 1996 l’architetto, capo dell’ufficio tecnico, di Vizzini mi affida il ripristino artistico della vecchia “scalinata L. Marineo”. Studio, progetto e realizzo i decori su pietra lavica, per le alzate dei gradini, ispirandomi ai motivi decorativi dei cornicioni, dei fregi di palazzi e chiese di Vizzini, lasciando così una parte di me lì per sempre. 


Nel 2012, nasce la mia bottega “Mani in...arte” frutto di quarant’anni di accurata dedizione, passione ed esperienza. Anima pulsante della mia espressione artistica.